Damiano Bettini

Come mantenere pulito il WC con WIZZO

La pulizia del WC può essere un compito gravoso, ma di fatto è indispensabile mettere la giusta cura nella detersione dei sanitari, sia per rendere il bagno un ambiente sempre profumato, ordinato e accogliente che per eliminare tutti i pericoli per la salute che possono derivare da un'igiene scarsa o approssimativa.

Il WC, in particolare, richiede una routine di pulizia molto rigorosa, sia a causa del contatto diretto con le sostanze organiche, che per via del continuo flusso di acqua sulle pareti e sul bordo interno, dove è frequente la formazione di concrezioni di calcare che con il tempo tendono a scurirsi. Queste incrostazioni, oltre a trasmettere una spiacevole sensazione di sporco, rappresentano l'ambiente ideale per la crescita e la proliferazione dei microrganismi. Di conseguenza, è molto importante prevenirne la formazione, facendo attenzione a mantenere sempre pulito il WC. 
 

Pulire il WC ad ogni utilizzo

Di norma, il vaso sanitario andrebbe pulito dopo ogni utilizzo. Per evitare un consumo eccessivo di acqua, il consiglio è quello di investire nell'installazione di un sistema di scarico differenziale, che permette di regolare il flusso dello sciacquone a seconda delle esigenze. Questa soluzione, oltre ad essere la più ecologica, consente di provvedere alla pulizia del vaso sanitario senza veder lievitare i costi in bolletta. 

In più, per rimuovere tutte le tracce di sporco è necessario utilizzare lo scopino del WC e strofinarne energeticamente le superfici interne. Questa soluzione, spesso, richiede di azionare più volte lo sciacquone e costringe ad occuparsi anche della pulizia dello scopino, che inevitabilmente accumula sporco trasformandosi in un ricettacolo di virus e batteri.
 

Sostituire il vecchio scopino con WIZZO

Per rendere più semplice ed efficace questa operazione, il vecchio scopino può essere sostituito con una soluzione innovativa e pratica come WIZZO: il forte e sottile flusso di acqua di questo “idrogetto a mano” permette di pulire perfettamente tutte le superfici interne del WC in pochi attimi, senza mai venire a contatto con le impurità. L'uso di WIZZO, illustrato in questo breve video, è molto intuitivo: basta afferrare l'asta subito sotto al pomello, sollevarla di qualche centimetro e lasciarla ricadere nella basetta per azionare il meccanismo a pompa che preleva l'acqua dal serbatoio in cui WIZZO è alloggiato. Quindi, azionando il getto con la pressione dalla mano è possibile orientare il forte flusso d'acqua generato verso i punti da pulire. Così, diventa davvero facile mantenere sempre pulito il WC senza fatica e ridurre al minimo indispensabile il consumo di acqua.

Tra i punti di forza di WIZZO spicca indubbiamente l'eleganza delle sue forme e la ricercatezza dei materiali, che, a seconda dei modelli, comprendono l'alluminio satinato, l'ABS, l'alluminio lucidato e l'acciaio. In più, nell'ottica di rendere questo accessorio per il bagno quanto più possibile discreto, persino la staffa metallica utilizzabile per il suo ancoraggio a parete è studiata per assicurare una presa salda con un piccolissimo chiodo (così ridotto nelle dimensioni da rendere sufficiente la fuga tra le piastrelle di rivestimento per il suo inserimento).

WIZZO funziona come un idroscopino ma, a differenza di quest'ultimo, non necessita di interventi di ristrutturazione e può essere adottato anche in bagni esistenti. WIZZO è disponibile per l'acquisto online: bastano pochi click per ricevere a casa questa innovativa alternativa allo scopino tradizionale!

Riempimento Wizzo

Pulire il WC in maniera approfondita

Per mantenere una buona igiene del WC, una o due volte a settimana (anche in base all'utilizzo del sanitario e al numero di persone che vivono in casa) è necessario provvedere ad una pulizia accurata di tutte le superfici del vaso, esterne ed interne.

Gli strumenti e i prodotti indispensabili per la pulizia del WC sono:

  • un paio di guanti in gomma;
  • una spugnetta ruvida (ma non metallica);
  • un prodotto detergente (preferibilmente anticalcare e antibatterico).

Dopo aver tirato lo scarico, si procede insaponando la superficie del copriasse, dell'asse e dei bordi esterni del vaso sanitario e, eventualmente, anche quella interna, avendo però cura di utilizzare una seconda spugnetta (per evitare il rischio di contaminare altre parti del WC con i microrganismi presenti al suo interno). Dopo aver lasciato agire il prodotto detergente per qualche minuto, occorre rimuoverlo con attenzione, sempre aiutandosi con la spugnetta e, per un risultato perfetto, si può quindi concludere la pulizia asciugando le superfici esterne del sanitario con un panno in microfibra.

Per un'igienizzazione ancora più approfondita, si consiglia di ricorrere ad uno dei prodotti disincrostanti in crema o in gel da spruzzare direttamente sulle pareti interne del vaso e al di sotto del bordo. Dopo aver lasciato agire il detergente per i tempi indicati sull'etichetta, si dovrà solo completare la pulizia scaricando l'acqua.

Per prevenire la formazione degli antiestetici depositi scuri di calcare che spesso si sviluppano sul fondo del WC, si può versare, di tanto in tanto, un'abbondante dose di candeggina oppure di un altro prodotto disincrostante e sbiancante all'interno del WC, lasciandolo agire per qualche ora.
Questa soluzione non sempre è in grado di garantire il risultato sperato e, inoltre, in alcuni casi può danneggiare la superficie smaltata del sanitario. Dunque, si consiglia sempre di provare l'effetto del detergente su una piccola area del vaso prima di lasciarlo agire al suo interno.
 

Come mantenere pulito il WC con prodotti naturali

I detergenti disinfettanti e disincrostanti utilizzati per la pulizia del bagno e dei sanitari sono particolarmente concentrati e aggressivi: a contatto con la pelle o con le mucose possono causare gravi irritazioni e, per questo motivo, è importante utilizzarli facendo grande attenzione e indossando sempre i guanti in gomma.
In più, alcune delle sostanze volatili utilizzate per conferire a questi prodotti le forti profumazioni che li caratterizzano sono tra i principali indiziati delle allergie e di altre patologie croniche legate al cosiddetto “inquinamento indoor” (ovvero l'inquinamento tra le mura domestiche).

Per ridurre l'uso di questi prodotti, si può ricorrere a sostanze naturali come l'aceto e il succo di limone che, grazie alla loro acidità e alle proprietà antibatteriche, possono contribuire ad igienizzare e lucidare le superfici del bagno e del WC senza mettere in alcun modo a rischio la salute.
Bicarbonato di sodio, oli essenziali e detergenti a base di alcool sono tra gli altri alleati utili per mantenere pulito e profumato il WC.
Tuttavia, va detto che l'efficacia di queste sostanze nel garantire un ambiente igienizzato rimane limitata.
 

Ulteriori consigli per un WC pulito e profumato

scopino wc biancoProvvedere con la giusta costanza alla pulizia dei sanitari in alcuni casi può non essere sufficiente a garantire l'eliminazione di tutti i cattivi odori.
Purtroppo, le soluzioni comunemente adottate, come ad esempio il ricorso alle tavolette profumate per il WC, spesso si rivelano piuttosto antigieniche, perché le gabbiette fissate sul bordo del vaso accumulano sporco e microrganismi, trasformandosi in un potenziale pericolo per la salute.

WIZZO è utile anche per garantire sempre una profumazione gradevole all'interno di tutto il bagno: basta svitare il piccolo coperchio in acciaio che chiude la parte superiore dell'asta e inserire al suo interno una cordicella di cotone imbevuta con qualche goccia dell'olio essenziale preferito. Ad ogni ricarica di acqua, WIZZO diffonderà nell'ambiente circostante un piacevole aroma, con un meccanismo del tutto naturale e innocuo.

Per approfondire tutte le caratteristiche di WIZZO, scoprirne il conveniente costo e procedere con l'acquisto online basta visitare la pagina dedicata alla versione bianca di Wizzo o al modello in acciaio inox.